Il vino on-line nel resto del mondo. E in Italia?

Il mercato del vino, solo recentemente ha cominciato ad essere diffuso anche sul web.

Fino a poco tempo fa, in tutto il mercato mondiale, ci si affidava a vendite dirette tramite la propria struttura di agenti, oppure facendo accordi di distribuzione con importatori in ambito estero.

Piano piano il mercato sta cambiando, nonostante la regolamentazione non permetta ancora molto margine di movimento.

Ma in tutto il comparto vino, almeno al di fuori dell’italia, si sta muovendo e anche velocemente.

I dati macroeconomici del settore, rilevati a fine 2014 prospettano una situazione di questo genere:

Queste percentuali, riferite al fatturato globale in ogni paese, fa capire che in Italia abbiamo ancora molto da fare, ma soprattutto, che è una strada obbligata per mantenere la leadership del nostro prodotto in ambito mondiale.

Questo ritardo, principalmente è dovuto ad un approccio molto recente della popolazione italiana al mondo dell’e-commerce, ma come in altri settori, è fortemente in crescita.

Infatti, i dati storici di crescita del mondo e-commerce specifici per il mercato italiano, fanno comprendere in modo inequivocabile che la strada da percorrere, volente o nolente è questa.

Come si può notare dal grafico, il mercato online dal 2004 ad oggi ha avuto una notevole crescita, e la prospettiva è quella di aumentare costantemente.

Questo dato diventa ancora più interessante, cominciando a valutare l’andamento del settore alimentare (che comprende anche il settore WINE/SPIRITS).

Infatti, tutti gli indicatori sul mercato indicano che i sistemi e-commerce avranno notevole espansione, con numeri di crescita ancora molto invidiabili soprattutto visto la restrizione dei consumi.

Il vino on-line nel resto del mondo. E in Italia?ultima modifica: 2016-01-25T12:29:06+00:00 da redazione